pagina precedente  pagina successiva  indice
Schede Descrizione dell'assetto
programmatico e pianificatorio

Un passaggio importante nella elaborazione del SIA è costituito dall'analisi e valutazione dell'intervento in relazione ai documenti di programmazione e pianificazione esistenti a livello nazionale, regionale e locale. Tale analisi permette di definire la logica con la quale un certo intervento si colloca sia nel complesso dello sviluppo economico che nella struttura spaziale di quel determinato territorio.

In Lombardia, ogni parte di territorio ricade nell'ambito di un sistema di controlli e indirizzi di sviluppo variamente formalizzato.

Gli strumenti di pianificazione territoriale di livello regionale possono essere suddivisi in due grandi categorie: quelli di area, che riguardano tutto o parte del territorio regionale (il PTR) e quelli di settore, che riguardano specifici settori funzionali.

I piani territoriali d'area sono schemi orientativi di riferimento e di coordinamento per i piani più dettagliati di livello inferiore; sviluppano ed esplicitano le indicazioni del Piano Territoriale Regionale (PTR), in alcuni casi articolano il territorio in zone omogenee, accompagnandole anche con un assetto normativo.

I piani territoriali di settore coprono perlopiù tutto il territorio regionale, ma di norma riguardano ciascuno una sola tipologia di interventi: i trasporti, la viabilità, le cave, ecc. La loro durata è solitamente congruente con quella dei programmi di investimento che usualmente li accompagnano. Le localizzazioni sono schematiche e così pure le indicazioni sulla natura tecnica degli interventi, i quali per realizzarsi devono comunque passare attraverso piani urbanistici e l'elaborazione di specifici progetti di opere.

I piani territoriali ed urbanistici possono essere ricondotti a loro volta a tre categorie in funzione del diverso grado di dettaglio, il quale dipende dalla scala, dalla natura dell'autorità che redige il piano e/o lo attua, dai suoi contenuti di esecutività:

I piani di area o di settore sono schemi parziali orientativi di riferimento e di coordinamento per i piani più dettagliati di livello locale; sviluppano ed esplicitano le indicazioni del Piano Territoriale Regionale (PTR) per zone particolari, coprono territori di più Comuni, ma corrispondono solo occasionalmente ad autorità di piano;

I piani generali locali, o piani regolatori (i classici PRG) coprono ciascuno il territorio di un solo Comune; non hanno limite di durata, ma si collegano ad autorità consolidate, quelle delle Amministrazioni Comunali; in parte sono esecutivi (vincoli, viabilità, ecc.), in parte no, nel senso che le loro previsioni non possono essere attuate senza l'adozione e l'approvazione di piani di dettaglio subordinati; non si accompagnano necessariamente a programmi economici, ma possono farlo (per esempio con il Piano Pluriennale di Attuazione - PPA);

I piani attuativi (piani di lottizzazione, particolareggiati, di recupero, degli insediamenti produttivi, di edilizia economica e popolare, ecc.) discendono da autorità consolidate, da soggetti pubblici e privati; corredati da schemi economici e finanziari, di norma hanno precisi limiti di durata e hanno carattere esecutivo nel senso che specificano i caratteri urbanistici dettagliati del che fare: localizzazioni, funzioni insediate, tipi insediativi, quantità, fasi di attuazione, ecc.; sembrano progetti di opere, ma non lo sono in quanto la maggior parte di quelle considerate richiedono, per essere eseguite, i relativi progetti di massima ed esecutivi.

In uno Studio di Impatto Ambientale occorre individuare gli elementi che caratterizzano l'assetto programmatico e pianificatorio del contesto territoriale che sottende l'intervento oggetto di studio. La descrizione deve prendere in considerazione gli elementi seguenti:

Per ognuno degli strumenti citati dovranno essere evidenziati:

Lo schema seguente riporta il quadro della situazione pianificatoria in Regione Lombardia al 1993.

I piani e i documenti elencati presentano diversi gradi di attuazione e di elaborazione; alcuni di essi, anche se non ancora vigenti, sono qui richiamati perché considerati indicativi della politica territoriale regionale; altri perché in fase di ultimazione del proprio iter d'approvazione. Il Servizio Segretariato di Piano ha predisposto per ognuno dei piani e documenti citati delle specifiche schede per permettere una loro lettura comparata e un costante aggiornamento dei dati relativi.

Elenco degli strumenti di pianificazione regionale,
infraregionale e comunale vigenti,
adottati o recepiti come proposte in Regione Lombardia

Piani regionali

Programma Regionale di sviluppo 1986/88

aggiornato al 1989 delibera CR 29.4.1986, n. IV/223 agg. delibera CR 27.7.1989, n. IV/1561 Indicazioni e proposte per la predisposizione del PRS - 27.4.1993

Proposta di Piano territoriale regionale

approvata dalla GR nella seduta del 30.10.1984, trasmessa al Consiglio Regionale, mai esaminata, vive come documento di indirizzo

Piano generale delle aree protette

di interesse regionale LR n. 86/1983

Piani territoriali di coordinamento dei parchi regionali

Parco Lombardo Valle del Ticino LR n. 33 del 22.3.1980

Parco delle Groane LR n. 43 del 25.8.1988

Parco Nord Milano LR n. 63 del 21.5.1990

Parco del Monte Barro LR n. 7 del 16.3.1991

Parco dei Colli di Bergamo LR n. 8 del 13.4.1991

Parco Pineta di Appiano Gentile Tradate delibera AC di adozione 24.11.1992, n. 17

Parco Montevecchia Valle del Curone delibera AC di adozione 1.3.1991, n. 2

Parco Adamello delibera CM di adozione 29.12.1992, n. 15

Parco Adda Nord delibera AC di adozione 26.6.1989, n. 21

Parco Adda Sud delibera AC di adozione 8.4.1989, n.3

Parco Campo dei Fiori delibera AC di adozione 28.9.1989, n.11

Parco del Mincio delibera AC di adozione 24.7.1991, n. 720

Parco del Serio delibera AC di adozione 1.12.1990, n.22

Parco Alto Garba Bresciano delibera CM di adozione 29.7.1991, n. 51

Parco agricolo Sud Milano delibera CP di adozione 20.10.1993, n. 20354

Piani di gestione delle riserve naturali

Garzaia di Porta Chiossa delibera di approvazione GR n. 15495, del 2.12.1991

Boschetto di Scaldasole delibera di approvazione GR n. 41296, del 22.9.1993

Garzaia di Villa Biscossi delibera di approvazione GR n. 14945, del 19.11.1991

Naviglio di Melotta delibera di approvazione GR n. 35674, del 17.4.1993

Castellaro Lagusello delibera di approvazione GR n. 41300, del 22.9.1993

Fontanile Nuovo delibera di approvazione GR n. 41300, del 22.9.1993

Lago di Sartirana delibera di approvazione GR n. 56753, del 3.8.1990

Lago di Piano delibera di approvazione GR n. 639, del 1.10.1990

Adda Morta delibera di approvazione GR n. 40739, del 14.3.1989

Torbiere del Sebino e d'Iseo delibera di approvazione GR n. 35842, del 13.9.1988

Palude Brabbia delibera di approvazione GR n. 39371, del 27.7.1993

Valli di S'Antonio delibera di approvazione GR n. 53282, del 21.3.1990

Isola Boschina delibera di approvazione GR n. 45782, del 1.8.1989

Sasso Malascarpa delibera di approvazione GR n. 52936, del 20.3.1990

Boschi Giovetto Palline delibera di approvazione GR n. 52935, del 20.3.1990

Valle del Freddo delibera di approvazione GR n. 51857, del 21.2.1990

Altopiano di Cariadeghe delibera di approvazione GR n. 23201, del 2.6.1992

Garzaia della Rinalda delibera di approvazione GR n. 15196, del 28.11.1991

Garzaia Cascina Notizia delibera di approvazione GR n. 15195, del 28.11.1991

Garzaia Bosco Basso delibera di approvazione GR n. 15270, del 28.11.1991

Garzaia Roggia Torbida delibera di approvazione GR n. 15494, del 2.12.1991

Garzaia Calpenchio delibera di approvazione GR n. 14718, del 14.11.1991

Abbazia Acqualunga delibera di approvazione GR n. 14719, del 14.11.1991

Garzaia di S. Alessandro delibera di approvazione GR n. 15198, del 28.11.1991

Isola Boscone delibera di approvazione GR n. 43279, del 21.3.1990

Palude Loja delibera di approvazione GR n. 41297, del 22.9.1993

Le Bine delibera di approvazione GR n. 41299, del 22.9.1993

Garzaia Cascina Isola delibera di approvazione GR n. 41926, del 22.9.1993

Garzaia Verminesca delibera di approvazione GR n. 14947, del 19.11.1991

Garzaia della Carola delibera di approvazione GR n. 14720, del 14.11.1991

Cascina Villarasca delibera di approvazione GR n. 14941, del 19.11.1991

Piano regionale dei trasporti piani di bacino, sistema

aeroportuale lombardo, trasporto merci, SFR) delibera CR del 25.11.1982, n. 941 e LR n. 74/1982

Piano regionale della viabilità delibera CR del 26.3.1985, n. 2035 e LR n. 50/1985

Piani provinciali delle Cave LR n.18 del 30.3.1982

Piani delle Cave - Provincia di Milano delibera 21 marzo 1990 n. IV/1971

Piani delle Cave - Provincia di Sondrio delibera 21 marzo 1990 n. IV/1970

Piani delle Cave - Provincia di Mantova delibera 28 luglio 1989 n. IV/1644

Piani delle Cave - Provincia di Lecco delibera 28 luglio 1989 n. IV/1645

Piani delle Cave - Provincia di Como delibera 28 luglio 1989 n. IV/1643

Piani delle Cave - Provincia di Brescia delibera 21 marzo 1990 n. 1969

Piani delle Cave - Provincia di Bergamo delibera 21 marzo 1990 n. 1968

Piani delle Cave - Provincia di Cremona delibera 6 agosto 1992 n. 564

Piani delle Cave - Provincia di Varese delibera 6 agosto 1992 n. 579

Piani delle Cave - Provincia di Pavia delibera 30 giugno 1993 n. 844

Piano regionale di risanamento delle acque-

settore collettamento e depurazione delibera CR n. 2088 del 27.3.1985 (leggi regionali di riferimento n. 3280, n.25/81, n. 58/84, n. 62/85, n. 52/90 è in corso la revisione del piano nonchè la predisposizione dei settori funzionali acquedotti e fognature)

Piano agricolo regionale delibera CR del 25.5.1988 n. IV/1054 - BURL 2° supplemento straordinario al n. 30/1988

Piano territoriale paesistico regionale proposta con presa d'atto da parte della Giunta Regionale in data 6.2.1990 n. 51212

Programma regionale a breve termine per

lo smaltimento dei rifiuti urbani ed assimilabili LR n. 21 del 6.7.1993

Piani infraregionali

Piano quinquennale di disinquinamento del bacino

idrografico dei fiumi Lambro, Olona e Seveso DPCM del 29 .7.1988, n.363

Piano di riassetto globale dell'Oltrepo pavese proposta con presa d'atto da parte della Giunta Regionale

Piano per la difesa del suolo e il riassetto

idrogeologico della Valtellina e delle adiacenti zone

delle Province di Bergamo, Brescia e Como ai sensi dell'art.3 della legge n.102/1990 DPCM del 28.12.1991

Piano di ricostruzione e sviluppo della Valtellina

e delle adiacenti zone

delle Province di Bergamo, Brescia e Como ai sensi dell'art.5 della legge n.102/1990 DPCM del 4.12.1992

Piano territoriale di coordinamento

del Consorzio del Lodigiano delibera CR n. IV/1158 del 28.7.1988

Piani urbanistici delle Comunità Montane

Comunità Montana Alto Sebino delibera CR n. IV/1174 del 28.7.1989

Comunità Montana Valceresio delibera CR n. IV/1033 del 28.4.1988

Comunità Montana Valtrompia delibera CR n. V/354 del 30.10.1991

Comunità Montana Valsassina, Valmorea,

Valle d'Esino e Riviera delibera CR n. III/1502 del 26.1.1984

Comunità Montana Valchiavenna delibera CR n. III/2023 del 26.3.1985

Comunità Montana Triangolo Lariano delibera CR n. IV/1692 del 12.10.1989

Piani territoriali d'area

"Pedemontana" in corso di formazione

"Area di Mantova" in corso di formazione

"Gronda intermedia" in corso di formazione

Piani comunali

semestralmente viene pubblicata la situazione della strumentazione urbanistica comunale sul BURL a cui si rinvia per il reperimento delle informazioni dettagliate

pagina precedente  pagina successiva  inizio pagina