ALLEGATO III

Progetti di competenza delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano

 (in grassetto le novità ex d.lgs 152/06)

 

 

 

a)                Recupero di suoli dal mare per una superficie che superi i 200 ha.

 

b)                Utilizzo non energetico di acque superficiali nei casi in cui la derivazione superi i 1.000 litri al minuto secondo e di acque sotterranee ivi comprese acque minerali e termali, nei casi in cui la derivazione superi i 100 litri al minuto secondo.

 

c)                Impianti termici per la produzione di energia elettrica, vapore e acqua calda con potenza termica complessiva superiore a 150 mW.

 

c bis)  Impianti  eolici per la produzione di energia elettrica, con procedimento nel quale è prevista la partecipazione obbligatoria del rappresentante del Ministero per i beni e le attività culturali

 

d)        Impianti industriali destinati:

-         alla fabbricazione di pasta per carta a partire dal legno o da altre materie fibrose;

-         alla fabbricazione di carta e cartoni con capacità di produzione superiore a 200 tonnellate al giorno.

 

d)                Impianti chimici integrati, ossia impianti per la produzione su scala industriale, mediante processi di trasformazione chimica, di sostanze, in cui si trovano affiancate varie unità produttive funzionalmente connesse tra loro:

 

-                per la fabbricazione di prodotti chimici organici di base (progetti non inclusi nell’allegato II);

-                per la fabbricazione di prodotti chimici inorganici di base (progetti non inclusi nell’allegato II);

-                per la fabbricazione di fertilizzanti a base di fosforo, azoto, potassio (fertilizzanti semplici o composti) (progetti non inclusi nell’allegato II);

-                per la fabbricazione di prodotti di base fitosanitari e biocidi;

-                per la fabbricazione di prodotti farmaceutici di base mediante procedimento chimico o biologico;

-                per la fabbricazione di esplosivi.

 

f)       Trattamento di prodotti intermedi e fabbricazione di prodotti chimici, per una capacità superiore alle 35.000 t/anno di materie prime lavorate.

 

g)    Produzione di pesticidi, prodotti farmaceutici, pitture e vernici, elastomeri e perossidi per insediamenti produttivi di capacità superiore alle 35.000 t/anno di materie prime lavorate.

 

 

h)    Stoccaggio di petrolio, prodotti petroliferi, petrolchimici e chimici pericolosi, ai sensi della legge 29 maggio 1974, n. 256, e successive modificazioni, con capacità complessiva superiore a 40.000 m3.

 

i)       Impianti per la concia del cuoio e del pellame qualora la capacità superi le 12 tonnellate di prodotto finito al giorno.

 

l)       Porti turistici e da diporto quando lo specchio d'acqua è superiore a 10 ettari o le aree esterne interessate superano i 5 ettari, oppure i moli sono di lunghezza superiore ai 500 metri.

 

m) Impianti di smaltimento e recupero di rifiuti pericolosi, mediante  operazioni di cui all’allegato B, lettere D1, D5, D9, D10 e D11, ed all’allegato C, lettera R1, della parte quarta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

 

n)    Impianti di smaltimento e recupero di rifiuti non pericolosi, con capacità superiori a 100 t/giorno, mediante operazioni di incenerimento o di trattamento di cui all’allegato B, lettere D9, D10 e D11, ed all’allegato C, lettera R1, della parte quarta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

 

o)    Impianti di smaltimento dei rifiuti non pericolosi mediante operazioni di raggruppamento o ricondizionamento preliminari e deposito preliminare con capacità superiore a 200 t/giorno (operazioni di cui all’allegato B, lettere  D13 e D14, della parte quarta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152).

 

p)    Discariche di rifiuti urbani non pericolosi con capacità complessiva superiore a 100.000 m3 (operazioni di cui all’allegato B, lettere D1 e D5 della parte quarta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152); discariche di rifiuti speciali non pericolosi (operazioni di cui all’allegato B, lettere D1 e D5, della parte quarta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152/2006) ad esclusione delle discariche per inerti con capacità complessiva sino a 100.000 m3.

 

q)    Impianti di smaltimento di rifiuti  non pericolosi mediante operazioni di deposito preliminare con capacità superiore a 150.000 m3 oppure con capacità superiore a 200 t/giorno (operazioni di cui all’allegato B, lettera D15, della parte quarta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

 

r)       Impianti di depurazione delle acque con potenzialità superiore a 100.000 abitanti equivalenti.

 

s)       Cave e torbiere con più di 500.000 m3/a di materiale estratto o di un'area interessata superiore a 20 ha.

 

t)      Dighe ed altri impianti destinati a trattenere, regolare o accumulare le acque in modo durevole, ai fini non energetici, di altezza superiore a 10 m e/o di capacità superiore a 100.000 m3.

 

u)    Attività di coltivazione sulla terraferma delle sostanze minerali di miniera di cui all’art. 2, comma 2 del R.D. 29 luglio 1927, n. 1443.

 

v)     Attività di coltivazione sulla terraferma degli idrocarburi liquidi e gassosi e delle risorse geotermiche.

 

z)      Elettrodotti per il trasporto di energia elettrica con tensione nominale superiore a 100 KV con tracciato di lunghezza superiore a 10 Km..

 

aa)    Impianti  di smaltimento di rifiuti mediante operazioni di iniezione in profondità, lagunaggio, scarico di rifiuti solidi nell’ambiente idrico, compreso il seppellimento nel sottosuolo marino, deposito permanente (operazioni di cui all’allegato B lettere D3, D4, D6, D7 e D12 della parte quarta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152).

 

ab) Stoccaggio di gas combustibili in serbatoi sotterranei artificiali con capacità complessiva superiore a 80.000 m3.

 

ac)  Impianti per l’allevamento intensivo di pollame o di suini con più di:

-         85000 posti per polli da ingrasso, 60000 posti per galline;

-         3000 posti per suini da produzione (di oltre 30 Kg) o

-         900 posti per scrofe.

 

ad) impianti destinati a ricavare metalli grezzi non ferrosi da minerali, nonché concentrati  o materie prime secondarie attraverso procedimenti metallurgici, chimici o elettrolitici.

 

ae) sistemi di ricarica artificiale delle acque freatiche in cui il volume annuale dell’acqua ricaricata sia superiore a 10 milioni di metri cubi.

 

af) opere per il trasferimento di risorse idriche tra bacini imbriferi inteso a prevenire un eventuale penuria di acqua, per un volume di acque trasferito superiore a 100 milioni di metri cubi all’anno. In tutti gli altri casi, opere per il trasferimento di risorse idriche tra bacini imbriferi con un’erogazione media pluriennale del bacino in questione superiore a 2000 milioni di metri cubi all’anno e per un volume di acque trasferite superiore al 5% di detta erogazione. In entrambi i casi sono esclusi i trasferimenti di acqua potabile convogliata in tubazioni.

 

ag) Ogni modifica o estensione dei progetti elencati nel presente allegato, ove la modifica o l’estensione di per sé sono conformi agli eventuali limiti stabiliti nel presente allegato.

 

 

 

 

.